Ryan Selkis di Messari rivela tre crittografi che si sforzano di essere il „denaro“ vincente dei crittografi

Bitcoin, Ethereum e Zcash sono in competizione per essere i primi soldi di internet, e ogni moneta impiega una strategia diversa per raggiungere questo obiettivo, secondo il fondatore di Messari, Ryan Selkis.

Selkis ha condiviso su Twitter, come le monete stanno pianificando di essere l’ultimo crittografo in piedi e alcuni dei vantaggi che ognuno di essi possiede.

„BTC, ETH, ZEC sono tutti in lizza per essere il „denaro“ crittografico vincente. Ognuno ha una strategia unica“.

BTC ha i massimalisti, l’eccitazione, l’originalità e l’hard tech

Il Bitcoin è la principale e più antica moneta criptata. Ha un formidabile seguito e una solida tecnologia a sostegno del suo caso d’uso.

„BTC ha una narrazione, effetto lindy, hard tech& zealots“.

Inoltre, BTC dirige il mercato della crittografia, ispira una grande emozione, e detta la direzione del mercato per la maggior parte, con l’eccezione di alcune monete DeFi.

„BTC ha il vantaggio del primo arrivato. È difficile da sostituire. È noiosa e „unidimensionale“, ma la sua ossificazione la rende una moneta di cui i 300 di Sparta sarebbero orgogliosi“.

Selkis ha anche dichiarato che mentre la volatilità del Crypto Cash è un grosso ostacolo verso l’adozione mainstream, i fanatici del Bitcoin credono che questo cambierà presto con l’aumento dell’inflazione fiat.

„La sua „volatilità è una caratteristica“ che attira gli speculatori, poi le siepi, poi le nazioni in crisi, poi il mondo“.

L’Etereum è un Ecosistema Completo e Futuristico che non è una minaccia per Bitcoin

Invece di competere con il bitcoin, l’Ethereum renderà il bitcoin adattabile, più efficiente e costruirà l’infrastruttura che supporterà l’adozione globale del bitcoin. Il cofondatore dell’Ethereum, Vitalik Buterin, ha già detto in precedenza che l’Ethereum è la continuazione della visione di Satoshi.

Il vantaggio di Ethereum deriva dal suo potenziale, dalla sua posizione sul mercato e dall’incrollabile sostegno della sua comunità. Tuttavia, l’aggiornamento del progetto sta subendo ritardi a causa di complicazioni impreviste di ciò che i programmatori hanno definito reverse-engineering.

„Come ogni buon culto, i sommi sacerdoti non rispettano le scadenze e spostano i paletti, ma mantengono i credenti basati sul carisma, sulla visione e sulla serietà“. Le superfici d’attacco sono vaste, ma questo è un bene. Il Giocattolo e i fabbricanti di giocattoli non fanno paura“.

Zcash è un cavallo di Troia

ZEC è il meno conosciuto dei tre, una valuta digitale che protegge la privacy e che garantisce la riservatezza delle transazioni, a differenza delle transazioni accessibili al pubblico sia sulla rete Bitcoin che sulla rete Ethereum.

Secondo Selkis, gli azionisti di ZEC sono fan dei Bitcoin orientati alla privacy e sarà difficile sostituirli per le loro caratteristiche uniche.

„Un pool pulito di privacy opt-in/ opt-out dà slancio alle autorità di regolamentazione mentre fissa la fungibilità a lungo termine (è improbabile che venga fissato in BTC). +ZEC si nasconde nell’ombra della BTC finché non è troppo grande per fallire“.

Bitcoin ed Ethereum hanno il loro vantaggio sul mercato come prime e seconde valute crittografiche più grandi del mercato. E mentre Zcash è una moneta per la privacy, dovrebbe superare una maggiore resistenza da parte delle autorità di regolamentazione finanziaria.

Anthony Pompliano on Bitcoin Market: Proof of „Ultimate Safe Haven“

Bitcoin has a zero correlation with stocks. Critics were wrong about their doubts about Bitcoin as a safe haven, according to Morgan Creek Digital co-founder.

Bitcoin ( BTC ) could „not be more uncorrelated“ with the stock market, according to Anthony Pompliano. Data shows that BTC is outperforming macro-assets.

In a series of tweets on October 26, the co-founder of Morgan Creek Digital, also known as „Pomp,“ poked fun at critics who claim Bitcoin is a poor store of value.

Pomp about the safe haven Bitcoin: „The market proves it“

Pompliano has uploaded a chart to the behavior analysis platform Santiment. This shows that Bitcoin reached the value 0 in the 30-day correlation with the S&P 500.

„It couldn’t be more uncorrelated than it is now,“ he said in comments.

Pompliano also stressed that Bitcoin has left macro-assets behind since the March crash this year.

„So how did Bitcoin fare during an economic downturn? It outperformed stocks, bonds, gold, oil, and just about anything else. It also had little to no correlation over a significant period of time,“ he summarized.

„Bitcoin is the ultimate safe haven and the market is proving it.“

The BTC / USD pair is trading at $ 13,150, offering investors around 83 percent year-to-date returns. This compares with 24 percent for gold and 6 percent for the S&P 500, according to data from on-chain monitoring website Skew.

Pompliano believes the earlier correlation between Bitcoin and these assets is merely a short-term phenomenon triggered by the March events.

„In liquidity crises, all wealth correlations tend toward 1. That was a passing thing and it happened with gold, stocks and others, too,“ he wrote.

No more correlation?

As Cointelegraph reported, there is consensus that not only is Bitcoin decoupling from stocks and others, but that it will be a definitive turning point that is irreversible.

Among other things, represents Willy Woo , the statistician and creator of the data resource Woobull this thesis. He continues to believe that Bitcoin will soon decouple.

„The decoupling is imminent,“ he tweeted last week .

„Makes sense that BTC will continue to be correlated in the short term; but not in the long term. BTC is a safe haven, only categorizing it as ‚risk‘ (meaning it is very new) distorts that fact.“

Regno Unito vieta agli investitori al dettaglio di acquistare derivati Bitcoin

Il principale organo di vigilanza finanziaria della Gran Bretagna ha annunciato il divieto di vendita di derivati crittografici agli utenti al dettaglio.

  • Il divieto della FCA vieta la „vendita, commercializzazione e distribuzione“ di derivati finanziari per le imprese che operano „in o da“.
  • L’azione di prezzo della Bitcoin, tuttavia, rimane indenne dalle notizie.
  • Il divieto entrerà in vigore il 6 gennaio 2021.

La Financial Conduct Authority (FCA), l’autorità di regolamentazione finanziaria del Regno Unito, ha vietato la vendita di derivati crittografici e di Exchange Traded Notes (ETN) agli investitori al dettaglio. Tuttavia, lascia una zona grigia nella regola, rendendola un non-evento per i trader Bitcoin.

Divieto dei derivati per proteggere gli investitori al dettaglio

L’FCA cita la manipolazione del mercato, la volatilità, le vulnerabilità della sicurezza e una comprensione inadeguata della value proposition di questi asset come ragioni per il divieto.

Sheldon Mills, direttore esecutivo ad interim per la strategia e la concorrenza presso la FCA, ha dichiarato:

„La significativa volatilità dei prezzi, combinata con le difficoltà intrinseche di valutare i criptoasset in modo affidabile, pone i consumatori al dettaglio ad un alto rischio di subire perdite dal trading [cripto derivati]. Abbiamo le prove che questo accade su una scala significativa. Il divieto fornisce un adeguato livello di protezione“.

La FCA indica che gli utenti al dettaglio risparmierebbero 53 milioni di euro (~62,5 milioni di dollari) dal divieto. Le regole per l’imposizione del divieto sono le seguenti:

„La FCA ha stabilito delle regole che vietano la vendita, la commercializzazione e la distribuzione a tutti i consumatori al dettaglio di qualsiasi derivato (cioè contratti per differenza – CFD, opzioni e futures) e ETN che fanno riferimento a criptoasset trasferibili non regolamentati da parte di imprese che operano nel o dal Regno Unito“.

Il divieto non riguarda tuttavia l’uso di piattaforme all’estero. Questa omissione ha lasciato alcuni a chiedersi quali siano i reali effetti di un tale divieto.

Edward Drake, responsabile della conformità e delle operazioni di eToro, ha condiviso con Crypto Briefing questo:

„Il ruolo della regolamentazione è quello di proteggere i consumatori, che è ciò che quest’ultima sentenza della FCA mira a fare. L’84% delle posizioni dei clienti di eToro UK si trova nell’attivo sottostante reale senza alcun effetto leva“. Di conseguenza, siamo fiduciosi che eToro sarà meno influenzata dalla nuova legislazione rispetto a molte altre nel mercato e che i nostri clienti continueranno a godere di un accesso ininterrotto al crypto come patrimonio reale“.

Drake ha aggiunto che queste nuove normative potrebbero servire da campanello d’allarme per i consumatori affinché „facciano il loro lavoro su ciò in cui stanno investendo e siano sicuri di investire su una piattaforma sicura e regolamentata“.

Colpi consecutivi alla crittografia

Le borse di derivati rappresentano la maggior parte delle attività di trading in crypto, superando i volumi spot da tre a cinque volte. Queste includono la vendita di swap perpetui, futures e contratti di opzioni.

L’annuncio della FCA giunge sulla scia di una mossa simile da parte delle autorità americane. La settimana scorsa, la CFTC e il Dipartimento di Giustizia hanno accusato BitMEX di aver violato molteplici regolamenti finanziari, tra cui il Bank Secrecy Act.

Resta da vedere come le borse, in particolare quelle che offrono prodotti derivati, adegueranno la loro strategia. Per alcune piattaforme non cambia nulla. Joel Edgerton, COO di BitFlyer, ha detto a Crypto Briefing:

„Tuttavia, per le borse regolamentate è tutto come al solito. A più lungo termine, dovrebbe spremere i cattivi attori dal settore in modo da poter aumentare la nostra fiducia con la società in generale e far crescere l’intero settore. Abbiamo vantaggi significativi rispetto alle istituzioni finanziarie tradizionali, ma dobbiamo anche crescere, prendere la strada più difficile e fare ciò che è giusto per i nostri clienti“.

L’azione sui prezzi della Bitcoin ha finora scrollato le spalle alle notizie. Il prezzo della BTC è sceso di meno di un punto percentuale nelle ultime 24 ore.

„Peace before the storm – expert prognosticates for Bitcoin new record high in 3 months

Mohit Sorout is convinced that Bitcoin will reach a new record high in just three months.

Bitcoin (BTC) has been trading in a tight price range for several months, with Mohit Sorout, one of Bitazu Capital’s owners, now predicting that a new record high is imminent as soon as the crypto-currency can break out in an upward direction.

Since July 2020, Bitcoin has been priced between $10,200 and $11,800, which is a 15% price range. Since then, the exchange rate fluctuations have remained within limits, with only occasional peaks in between.

Every time Bitcoin remains stable within a narrow price range over a longer period of time, a significant upward or downward price movement follows.

However, whether a breakout will occur in the near future is currently still uncertain. Sorout is certain that, in the event of an upward breakout, there would be a climb to $20,000 within the next three months, which would also be a new record high for Bitcoin.

The daily Bitcoin chart with a trendline

  • Bitcoin course development.
  • Record high in three months?

Looking at the historical price development it becomes clear that Bitcoin has always moved up or down rapidly after a longer price range.

Thus the market-leading crypto currency lay from 1 May to 20 July of this year between 8,800 to 9,800 US Dollar, whereby the exchange rate settled around 9,100 US Dollar. After just under two months of sideways movement, Bitcoin then soared by a record-breaking 32% within just 12 days and even climbed as high as US$12,123 on the Binance crypto exchange.

In view of the fact that Bitcoin makes violent jumps after longer periods of rest, Sorout says:

„This is the calm before the storm. If Bitcoin were to break out of the price range today, we would have cracked the previous record high of 20,000 US dollars within three months“.

When asked how he arrived at the three-month period, Sorout replies that this is merely an observation of previous price cycles.

The jump to the 20,000 US dollar mark could also be achieved more quickly. To this end, he explains:

„This is an observation of how previous climbing cycles have behaved so far after long periods of rest. But it could also happen more quickly“.

However, it should be noted that the open interest of Bitcoin futures is currently lower compared to other climbing games.

Particularly after the American supervisory authority for derivatives trading (CFTC) brought charges against BitMEX, a crypto exchange specializing in derivatives trading, the open interest of the Bitcoin futures has dropped significantly. This could ensure that a coming upswing is rather steady and slow, not erratic.

Year-to-date open interest of BitMEX

Open Interest on BitMEX.
Upwind for Bitcoin in Q4?

One narrative that could support such an upward trend is the increased interest of institutional investors in Bitcoin.

Grayscale CEO Barry Silbert, who heads the largest crypto investment fund, announced on October 17 that his company now manages $6.4 billion. Accordingly, he emphasized that Grayscale has „received a large inflow of capital this week“. Institutional investors, in particular, are using the asset management company’s crypto-fund to invest in Bitcoin. This is clear evidence of increased interest from this direction.

In addition, the narrative is reinforced by the fact that two well-known mainstream companies, payment service provider Square and software manufacturer MicroStrategy, recently entered the market-leading crypto currency with large sums of money.

The S2F model with its latest update

Stock-To-Flow forecast model.

Despite this positive news, Bitcoin has mostly stagnated in October. However, the Stock To Flow forecast model, which in the past has always made relatively accurate predictions about the share price development, also forecasts significant price gains in the coming months. Its inventor PlanB:

„Why does #Bitcoin not go up with the increased institutional interest? Is anyone selling at the moment? The Bitcoin price is currently exactly where it should be, above $10,000 US dollars. We just have to be patient now, then the jump will happen!“

FileCoin diventa attivo sulla rete principale superando la capitalizzazione di mercato di BTC

L’attesissima rete di archiviazione decentralizzata e guidata dalla comunità, FileCoin (FIL), è stata pubblicata su mainnet il 15 ottobre alle 14:45 UTC. Il progetto è in sviluppo dal 2017 e potrebbe rivoluzionare il modo in cui gli utenti acquistano e vendono lo spazio di archiviazione inutilizzato.

In sostanza, Filecoin cerca di avvicinare i dati all’utente finale, a differenza delle reti cloud tradizionali . Il modello decentralizzato del progetto è visto da molti come una svolta nell’evoluzione di Internet e nel futuro dell’archiviazione dei dati.

Poco dopo il lancio sulla mainnet, un utente Twitter e Crypto Youtuber hanno sottolineato che FIL, il token nativo del progetto, aveva raggiunto una capitalizzazione di mercato completamente diluita di $ 400 miliardi. Sorprendentemente, questo è il doppio della capitalizzazione di mercato di BTC o più dell’intero mercato crittografico combinato.

Poche ore prima del lancio sulla mainnet, Ethereum Code ha rivelato che avrebbe elencato la moneta al blocco 148.888. Ha anche offerto agli investitori che hanno depositato FIL nell’exchange $ 100K in premi BNB da distribuire tra gli utenti idonei.

FileCoin vede un supporto senza precedenti da parte degli scambi

Il progetto Filecoin ha già visto un enorme supporto dalla comunità crittografica. Anche prima del suo lancio sulla mainnet, FIL era già elencato su due principali scambi : Kraken e Gemini. Altri importanti scambi come KuCoin e Huobi avevano anche svelato i piani per elencare il token quando è stata lanciata la mainnet del progetto.

Questi primi elenchi sono piuttosto notevoli, considerando che gli scambi in genere annunciano elenchi dopo che i progetti crittografici sono stati pubblicati sulle loro reti principali. Molti appassionati di criptovaluta ipotizzano che gli scambi che hanno elencato la moneta abbiano una comprensione più profonda del progetto e siano quindi disposti a fare un’eccezione.

In effetti, FileCoin probabilmente farà ondate nel settore delle criptovalute. Secondo il co-fondatore e CEO di Gemini, Tyler Winklevoss, il progetto decentralizzato è l‘ evento crittografico più atteso dal lancio di Ethereum e Bitcoin.

La rete di archiviazione decentralizzata ha riscontrato alcuni ritardi dalla sua data di lancio iniziale a metà 2019. Tuttavia, ha sostenuto l’interesse del settore con 230 progetti e 1.000 sviluppatori pronti a iniziare a lavorare su Filecoin dopo il lancio della mainnet.

Inoltre, circa 400 miners da tutto il mondo hanno partecipato alla fase di testnet „Space Race“ del mese scorso, dove la capacità di dati della rete Filecoin è aumentata drasticamente.

Altro sul progetto Filecoin

Un progetto di Protocol Labs, Filecoin ha raccolto $ 205 milioni in una vendita di token 2017 su CoinList, stabilendo un record per il più raccolto in un ICO in quel momento.

“Nel modello Filecoin, l’archiviazione dei dati diventa un mercato, dove chiunque può pagare per l’accesso per l’archiviazione o guadagnare entrate fornendo l’accesso all’archiviazione dei dati. Invece di 5 fornitori che possiedono l’intero mercato dell’archiviazione dei dati, i vantaggi economici dell’archiviazione dei dati sono dispersi in tutto il mondo „, ha spiegato un post di CoinList.

Il progetto decentralizzato introduce ora un’entusiasmante alternativa alle offerte di archiviazione cloud centralizzata esistenti come Amazon Web Services (AWS) o Azure.

Wrapped Bitcoin raggiunge $1B dopo un aumento del 900% in due mesi

La recente frenesia DeFi ha visto un valore di 900 milioni di dollari di gettoni di Bitcoin, che negli ultimi due mesi sono stati utilizzati con il Wrapped Bitcoin.

Il recente ciclo di tori DeFi ha spinto il valore totale bloccato

Il recente ciclo di tori DeFi ha spinto il valore totale bloccato (TVL) del popolare protocollo di tokenizzazione Bitcoin (BTC) Wrapped BTC (WBTC) del 900% per superare il miliardo di dollari.

La pietra miliare arriva quattro settimane dopo che il TVL di tutti i Bitcoin Trader tokenizzati su Ethereum (ETH) ha superato per la prima volta il miliardo di dollari. L’attuale TVL di Bitcoin tokenized Bitcoin è di quasi 1,5 miliardi di dollari, di cui WBTC rappresenta attualmente un terzo.

Wrapped Bitcoin è ora il quinto protocollo DeFi in termini di TVL, che rappresenta quasi il 10% del capitale bloccato dell’intero settore. La TVL di WBTC ha spinto oltre i 100 milioni di dollari per la prima volta intorno all’8 luglio.

Wrapped Bitcoin permette agli utenti di bloccare BTC in cambio di WBTC – un token ERC-20 agganciato a Bitcoin – che permette ai possessori di BTC di accedere al variegato ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi) alimentata dall’Ethereum, utilizzandolo come garanzia.

Nella prima metà del 2020, la TVL di WBTC è cresciuta da 4 milioni di dollari a 36 milioni di dollari, a dimostrazione dell’estrema impennata della domanda di DeFi nel terzo trimestre.

La bolla DeFi è andata a beneficio anche di altri protocolli

La bolla DeFi è andata a beneficio anche di altri protocolli di tokenizzazione Bitcoin, con la VM di Ren (REN) che ha bloccato oltre 300 milioni di dollari di BTC dal lancio a fine maggio.

Il prezzo della REN è aumentato di circa il 180% nello stesso periodo, con il gettone che ha rimbalzato del 14% nelle ultime 24 ore dopo la quotazione su Coinbase. Non tutti i protocolli di tokenization hanno goduto di un successo sostenuto, con la TVL di PieDAO che recentemente è tornata ai livelli inferiori al milione di dollari di maggio dopo un breve picco in luglio.

Anche la rete A16z-backed Keep Network si è lasciata sfuggire il bottino della recente frenesia DeFi, con il protocollo tBTC merlato che recentemente è andato a fuoco per la liquidazione dell’Etere di tutti gli utenti di un gruppo che vedono un singolo firmatario andare offline.